testata-liberi-di
Tema del mese :

TRATTA

“Da come trattiamo il corpo della donna comprendiamo il nostro livello di umanità”. Lo ha ricordato Papa Francesco che, nell’omelia della messa del primo gennaio, ha definito “ogni violenza inferta alla donna una profanazione di Dio, nato da donna”. Pur essendo “fonti di vita”, ha lamentato il Papa, sono “continuamente offese, picchiate, violentate, indotte a prostituirsi e a sopprimere la vita che portano in grembo”. “Ci sono madri – ha aggiunto - che rischiano viaggi impervi per cercare disperatamente di dare al frutto del grembo un futuro migliore e vengono giudicate numeri in esubero da persone che hanno la pancia piena, ma di cose, e il cuore vuoto di amore”. In concomitanza con la Giornata mondiale di riflessione e preghiera contro la tratta, che si celebra l’8 febbraio, abbiamo scelto di dedicare la nostra newsletter alla piaga del traffico di esseri umani e alla schiavitù. Per accendere i riflettori, per non voltarci dall’altra parte, per promuovere un cambio di passo.

don Leonardo Di Mauro, don Francesco Soddu, don Giuseppe Pizzoli,
don Gianni De Robertis e don Bruno Bignami
SEZIONE-SOCIOLOGICA_04

Persone, non oggetti

Persone, non oggetti
“La schiavitù è stata abolita dal punto di vista giuridico, ma è ancora una triste realtà presente in tutti i Paesi”, afferma don Giovanni De Robertis, direttore della Fondazione Migrantes, che lancia l’idea dei “Fridays for future” per le donne.

Le schiave di oggi

Le schiave di oggi
Suor Rita Giaretta, la religiosa orsolina che ha fondato Casa Rut a Caserta e che spende la sua vita accanto alle ragazze che finiscono nelle mani dei trafficanti, definisce la tratta “un’infamia, un crimine contro l’umanità”.

Senza le donne non c'è vero sviluppo

Senza le donne non c'è vero sviluppo
La testimonianza di Turkan Mukhtarova (Georgetown University) che fa ricerca sui temi della disparità di genere e della violenza sulle donne.
SEZIONE-AZIONE_04b

In un chicco: il profumo e il sapore dell'inclusione

In un chicco: il profumo e il sapore dell'inclusione
Apre a Catania "La Bottega di San Giuseppe", un segno di speranza, fratellanza e integrazione.