testata-liberi-di
Tema del mese :

POST-PANDEMIA

Nel silenzio assordante di una piazza san Pietro completamente vuota e bagnata dalla pioggia incessante, le parole di papa Francesco erano risuonate forti e chiare: “ci siamo resi conto – aveva detto - di trovarci sulla stessa barca, tutti fragili e disorientati, ma nello stesso tempo importanti e necessari, tutti chiamati a remare insieme, tutti bisognosi di confortarci a vicenda. Su questa barca… ci siamo tutti”.
Tutti, nessuno escluso, uniti dalla sofferenza, dalla paura e dalla speranza.
Ora che la tempesta si sta lentamente placando e che si comincia a guardare al futuro, ancora carico di incertezze, abbiamo voluto riflettere su quanto è accaduto, sull’eredità che la pandemia ci lascia e sulle prospettive che si aprono. Con la consapevolezza, forse più forte di prima, che “siamo tutti sulla stessa barca” e che, come ha ricordato il Papa nel Messaggio per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, “ritrovarci ad avere preoccupazioni e timori comuni ci ha dimostrato ancora una volta che nessuno si salva da solo”.

don Leonardo Di Mauro, don Francesco Soddu, don Giuseppe Pizzoli,
don Gianni De Robertis e don Bruno Bignami
SEZIONE-SOCIOLOGICA_04

Per un mondo più fraterno

Per un mondo più fraterno
Di fronte a "tante incognite", "ci farà bene ripartire col passo umile di chi cerca ciò che unisce e non ciò che divide", afferma don Leonardo Di Mauro, responsabile del Servizio nazionale per gli interventi caritativi a favore dei Paesi del Terzo Mondo.

Come Maria

Come Maria
Dopo il Covid-19, "sboccerà una nuova umanità pronta a riscoprire il grande valore della fratellanza e a vivere con maggior consapevolezza il valore della dimensione umana, sociale ed ecclesiale", dice suor Eugenia Bonetti, presidente di “Slaves no More”.

Il tempo sospeso dei migranti

Il tempo sospeso dei migranti
Il Decreto Rilancio "che aiuta la regolarizzazione per badanti, colf e braccianti è un primo passo che restituisce dignità alle persone". Ora però bisogna "continuare in questa direzione", sottolinea padre Camillo Ripamonti, presidente del Centro Astalli – JRS Italy.
SEZIONE-AZIONE_04b

Al via il progetto "Abito il mondo"

Al via il progetto "Abito il mondo"
Parte a Savona il progetto “Abito il Mondo”, promosso da Fondazione diocesana ComunitàServizi, Acli, Arci e Auser, che ha come obiettivo quello di restituire dignità e futuro a dieci donne vittime di tratta e di abusi subiti nel corso del viaggio. L’iniziativa è finanziata con i fondi della Campagna “Liberi di partire liberi di restare” e consiste in tre azioni: …

Ricostruire la relazione

Ricostruire la relazione
"Trasformiamo la sfida della pandemia in un'opportunità per modificare ogni rapporto che ci circonda, in modo da poterci chiamare ancora una volta comunità", dice Stephen, studente nigeriano di Rondine.

Il Mediterraneo e la leadership giovanile

Il Mediterraneo e la leadership giovanile
All’ultimo evento online della Cittadella della Pace, il racconto di Clement, già leader di pace in Mali dopo un periodo di formazione in Italia: “Possiamo tutto con pazienza”.